Ultimavoce.it La camera di Valentina

osmosi nudo respiro
11 settembre 2017

Ultimavoce.it La camera di Valentina

https://www.ultimavoce.it/ramona-zordini/

Ramona Zordini ha invitato Valentina a farsi un bel bagno e data l’estate di fuoco non poteva che essere un ottimo invito. Quello che Valentina non si aspettava, però, è di trovare così tanti altri invitati in piscina.

Le fotografie di Ramona Zordini raccontano di sirene che ti incantano con la loro presenza e ti spingono nella loro direzione.

Ma non le sirene incantate delle fiabe disney, quelle delle vere leggende marine: creature che ti prendono per il collo e ti immergono in acqua, costringendoti, senza che te ne accorga, a trattenere il respiro.

Sembra una storia tremenda, ma non lasciatevi intimorire, piuttosto abbandonatevi a tutto questo. Perché queste fotografie meritano tutta l’apnea nella quale siamo capaci di resistere, tanto è l’incanto e lo stupore che evocano.

Quanto l’arte, erotica o meno che sia, riesce a raccontare la vitalità e la mortalità dell’essere umano con tanta immediatezza e fascino non si può non restare stupefatti e meravigliati. Questo è quello che Ramona Zordini ci propone.

Due book sono particolarmente accattivanti e racchiudono l’amore, la disperazione e la vita: Changing Time (2012- 2015) e Oblivion (2017)

Le ambientazioni sono sempre le stesse: una distesa di acqua della quale noi vediamo l’area occupata dal soggetto. Non sappiamo cosa sia successo prima o cosa succederà dopo, ma quello che è davanti ai nostri occhi racconta quel momento preciso con una presenza determinante.

Il colore dell’acqua e dal movimento, che la rende torbida e agitata, sembrerebbe liquido amniotico in cui i soggetti, adulti e più piccoli, si trovano immersi, emergendo piano piano, come una perfetta sequenza cinematografica di primi e secondi piani in dissolvenza.

Il colore ovattato e sfumato dell’acqua dà ai corpi un senso di evanescenza e trasformazione, come se stessimo assistendo alla creazione della vita e attendessimo il mutamento. Nulla resta uguale nelle opere di Ramona Zordini.